CASA BIDERI

IL NUOVO ALBUM DEI BLUE STUFF, BLUES AGRICOLO PER ITALIANI LATERALI

6 mesi ago, Written by , Posted in NEWS
Blue Stuff

Il nuovo album dei Blue Stuff  si intitola – 7  e si può comprare online cliccando qui.  Tante le sorprese che porta con sé: la prima è il debutto su etichetta Gennarelli Bideri. La produzione del cd è, infatti, della storica casa editrice guidata da Ferdinando Bideri . Mario Insenga & co. hanno realizzato un disco di “blues agricolo per italiani laterali”. Qui è possibile leggere il comunicato stampa che lo presenta. Di seguito, invece, i testi dei dodici brani, cantati sia in napoletano che in italiano. che compongono la scaletta.

I TESTI DI BLUE STUFF -7

I testi dei brani di Blue Stuff -7 in ordine di scaletta

JOHN DILLINGER

Testo e musica di Mario Insenga

Lascia che mi presenti, sono John Dillinger.
Anche se sono all’inferno, non ho mai fatto del male.
Non ho mai rubato ad una madre o ad un bambino
E non ho mai levato ad una persona la dignità
(per questo è speciale l’Equitalia)

Son sempre stato contro, ero il nemico n. 1!
Rapinavo banche, per il sistema ero una spina nel fianco
(ero l’incubo per Mr. Pelvis e i suoi G-Men)
Un mitra per amico:
100 colpi Thompson, sputava blues.

Per me non è un delitto rapinare una banca
(il vero delitto è fondarla una banca!)
Mentre rapinavo, l’archivio dei debiti bruciavo
Bruciavo e pensavo
A quante famiglie povere salvavo!

Thompson cantava con la sua voce forte e chiara
(Chicago type-writer)
Dovevi sentirlo, a volte il blues può fare tanto male
(nu poco ‘e pacienza)
In un mondo giusto sarei stato un eroe nazionale.

Buon Dio, dammi due giorni
Che rimetto tutto a posto.
Torno sulla terra,
Thompson canterà l’ultima volta.
Recupero il maltolto:
Dalle banche i soldi tornano alla gente!
(esatto, fuori i soldi dalle banche!)

Gente, accorrete! Ci vediamo in piazza Affari.
Dillinger e Thompson
spazzeranno via tutti i banchieri …
Che vi serva da lezione!
Svegliatevi dal sonno e combattete
Che vi serva da lezione!
Spegnete la tv (i telefonini) e combattete

VITTORIO

Testo e musica di Mario Insenga

Putesse turnà areto
A mezzanotte ‘e tante anni fa
Quanno t’aggio ‘ncuntrato e ‘a vita
Me so ‘nguaiato

Un incrocio solitario
Addò Vittorio steve aspettanno
Je nun sapevo ch’era ‘o Diavolo
Dint’ati panni.

“Firma il contratto
E vedrai quanto è bello il blues!
Una firma con il sangue e avrai tutto,
Anche di più”.

E io m’accattaie
Tutt’ ‘e panni ca mo vide tu.
‘O Diavolo me dette femmene,
Denari e ‘o blues.

Ma po chiano chiano
Tutt’ ‘e cose m’he levato
Cu ‘na mano annanz’ e n’ata areto
M’ he lassato.

E già da domani
Saro cliente della Caritas.
‘Na vita ‘e blues e nun ce pavo
Manc’ ‘e tasse.

Aggio fatto
Tutto chello ca dicive tu.
Mò, si chiammo nu nomme,risponne
Sulo ‘o blues.

Che ore sono?
‘A cocch’ parte saranno ‘e quatto
È chesta l’ora ca steve scritta
Dint’ ‘o patto.

Sarrà pure overo
ca ‘a femmena se piglia ‘e sorde,
ma sta sicuro:
l’anima s’ha piglia ‘o blues.

CI VUOLE IL CAPPELLO

Testo e musica di Mario Insenga

Dopo una vita passata a suonare il blues
Per strada, nelle piazze, in bettole a nord e a sud
Ti dico quello che la gente apprezza di più

‘Nce vo ‘ cappiello pe sunà ‘o blues!
Si po tieni ‘e stivali, allora nun se passa cchiù.

Steve a nu concerto, nu turzo venuto ‘a fore
Cappiello piumato, stivaletti rossi, chino ‘e boria…
‘A gente jettata pe terra, manco fosse Johnny Winter!

Basta nu cappiello: p’ ‘a gente si n’omme ‘e blues
Si po tieni ‘e stivali, allora nun se passa cchiù.

Canti in inglese, ma nun capisci ‘na parola
Pigli ‘a muorz’ ‘a chitarra e po’ scinne mmiez’ a loro
E truove a ‘na ciofeca che partecipa a sta sola.

Fai n’ata fatica e po’ t’attiggi a omme ‘e blues
E parli pure brillante: ei men, beh weh, stai tuned.
Cagni ‘a voce e ‘o nomme, accussì pari cchiù cool.

Miettiti ‘o cappiello, stasera vai a sunà
E mieitti ‘e stivali, m’arracumanno: nun t’ ‘e scurdà!

Ma più di tutto, lo sai, mi fa incazzare
L’incompetenza di certi organizzatori
Pronti a pavà meliune, basta ca veneno ‘a fore.

“Questi suono buoni, ce li ha mandati l’agenzia!”
Ma bastano ddoje note pe’ capì ca so’ ‘na fetenzia.
“Il pubblico gradisce, guarda quanti telefonini”.

“Su la mano destra e cantate appriess’ a me;
Adesso la sinistra” come fossi un dj…
Tu si pavato meliune e ce viene a piglià p’ ‘o culo.

Ora sono calmo, la rabbia mi è passata
Cantando il blues, lo sai, l’ho esorcizzato
Ma vulesse chilli sord: fa sei anni chest’ estate.

Domani scendo e m’accatto nu cappiello
Lo voglio bianco, a falda larga, il più bello!
La gente che mi vede dice: “Questo è un uomo di… blues!”

Me metto ‘o cappiello e vaco sunann’ ‘o blues
Me metto pure ‘e stivali e nun s’avesse passà cchiù.
E voglio proprio vedè si pavano meliune pure a me!

SONO STANCO

Testo di Bruno Brighetti e musica di Bruno Martino

Sono stanco,
Tanto stanco,
Sono stanco da quando son nato,
Son stanco, mi voglio seder.

Sono stanco
D’esser bianco,
La mia faccia
Voglio tingere di ner.

Sono stanco,
Troppo stanco,
Tanto stanco che cado di fianco,
Sbadiglio e non posso reagir.

Sono stanco,
Molto stanco,
Ma le mosche
Non mi lasciano dormir

Voglio un cuscino di piuma,
Tre materassi di lana,
Voglio una bella bambina
Che canti una nenia per me.

Voglio una stanza a tre letti,
Voglio che stian tutti zitti,
Voglio un tegame di gnocchi
E qualcun che m’inbocchi perchè…

Sono stanco,
Tanto stanco,
Sono stanco da quando son nato,
Son stanco, mi voglio seder.

Sono stanco
D’esser bianco,
La mia faccia
Voglio tingere di ner.

Sono stanco,
Tanto stanco,
Sono stanco da quando son nato,
Son stanco, mi voglio seder.

Sono stanco
D’esser bianco,
La mia faccia
Voglio tingere di ner.

Oh oh oh oh,
Oh oh oh oh.
La mia faccia
Voglio tingere di ner!

SONNY BOY

Testo e musica di Mario Insenga

Saranno state ‘e 7 d’ ‘a matina
Ci sta qualcuno che bussa alla mia porta
Subito penso: “Chist’ so’ loro
I Testimoni di Geova venuti a predicare
Arapo jastemann’ ma nisciuno ce stà.

Meno male che mi sono sbagliato,
Probabilmente ma l’aggio sulo sunnato
Ma arriva un suono dai confini del tempo
Sa di Blues, di King Biscuit Time
E proprio accanto a me appare Mr. Downchild!

“Sonny Boy, che piacere ‘e te vedè!
Entra, racconta, siedi… Ti faccio un cafè.
A quell’incrocio ci sei mai stato?
Robert Lerdy lo hai davvero incontrato?
Dimmi, si va all’inferno se si pratica il blues?

“Sono tornato per cantare il blues,
Abbascio all’inferno nun se porta proprio cchiù:
I meglio morti fanno le tribute band,
I morti da poco il karaoke.
Questa è la condanna nel girone del blues!”

“Sonny Boy, qua il blues si suona ancora,
Nei bar pizzeria e a casa di qualche signora.
200 euro tutta la band
Raduni a gratis, a sud e a nord.
Ce li facciamo tutti, abbuscamm’ ‘e sorde!

Vicino casa ci sta la ferrovia
E Sonny Boy sente un po’ di nostalgia
Quando saltava sullo Yellow Dog,
Southbound Train o Cannonball
“Ma quale Yellow Dod, stu treno va a Roccasecca
Sonny Boy, Roccasecca… Dry Rock”

Sonny Boy mi sputa in occhio e dice:
“Credevo di essere tornato tra i vivi a cantare,
Grandi talenti con il fattore X,
Amici cari e smandrappati del cazzo…
Credete d’essere vivi,
ma siete morti da un pezzo”

Affinale, più che deluso, incazzato
Sonny Boy urla con tutto il suo fiato:
“Sono capitato in un paese strano,
terra di cuochi e di televisione.
Me ne tornerò all’inferno o mi scenderà l’ernia
Me ne torno all’inferno: vienetenne, cumpà.
(E no, Sonny Boy, mo tengo ‘a fa’)
Ti aspetto giù all’inferno: nun fa tarde, cumpà!
(Tranquillo, Sonny Boy. Ce vedimmo)

TROPPO POVERO PER MORIRE

Testo e musica di Mario Insenga

Ondata eccezionale di freddo siberiano che ci assale
Che ha steso soprattutto i poveri, i pezzenti e le puttane!
Ma ‘e sorde so fernut’ si no je me ne fosse già fujuto.

L’Italia è in ginocchio, flagellata,
È stretta in una morsa,
Ce po aiutà sulo ‘o guardaporte
Ma i ponti son saltati
Si no je me fosse già turnato

Disagi ferroviari
Su tutto il territorio nazionale
Il tempo che ci vuole
lo ha dato il Direttore Generale…
Da Roma a Frosinone
‘O scuro e senza cess’: 15 ore!
Ma ‘e sorde so fernut’
Si no je me ne fosse già fujuto.

Evento eccezionale,
un governo di salute nazionale
Che ha steso soprattutto
I poveri, i pezzenti e le puttane!
Per caccia e carri armati
I soldi, per fortuna, song’ asciut’

Politici in riunione
Che pensano alla popolazione
Rinunciano ai diritti
Per dare esempio a tutta la nazione…
Il nuovo sta avanzando:
D’Alema, Fini, Trota e Formigoni.
Le idee stanno cambiando
Sgarbi, Scilipoti e Buttiglione!

Mo’ na semmana fa
È venuto a me truvà ‘o schiattamuorto
M’ha dato ‘na guradata
po’ se ne gghiuto tutto scunsulato…
Mi ha detto: “Nun t’azzardà a murì
si nun tiene ‘e sorde pe’ ‘na cascia”

A vota calo ‘a capa
e penso ‘e ccose ca m’aggio sunnato
A comm’aggio campato
Forse n’ata vita aggio vissuto
E forse chist’ song’ ‘e blues
E coccherun’ato.

LEVON

Testo e musica di Mario Insenga

Maledizione! ‘O munno s’è cagnato
Strawberry wine nun se ne trova cchiù
E ogni fetente ‘e jurnata ca schiara
‘O cielo è pronto a nce menà dduje blues,
Nce menà dduje blues.

Ho sempre pensato nella mia follia
Che certe perzone nun avessero mai murì
Ma Levon se ne gghiuto e s’ha purtato
‘A speranza mia ‘e l’abbraccià,
‘E l’abbraccià.

E tu, Signore Iddio, pecchè m’he dato ‘sta mazzata?
‘A terra, per prima, bell’ e buono s’è fermata
S’è fermata pe’ regalà
A Levon un attimo d’eternità,
D’eternità.

Allora je so gghiuto alla mia collezione
Primo scaffale, addò sbatte cchiuù forte ‘o core
Aggio pigliato ‘e dischi d’ ‘a Band
L’aggio sunato e ‘o core s’è fermato,
S’è fermato.

E quante lacrime ‘ncopp’ ‘e copertine:
The Band, Stage Fright
“You don’t know the shape I’m in”
Chiagnenno, chiagnenno, m’acchiapan’ ‘e blues
E vaco cu Levon “Up on, Cripple Creek
Up on, Cripple Creek.

Mo’ ‘ncopp’ ‘o furgone c’è un passeggero in più
Ca canta cu mme si se fa cchiù tuosto ‘o blues
Addò è cchiù scura l’oscurità
Si guarde buono, Levon ce stà,
Levon ce stà.

NAPOLI ADDIO

Testo e musica di Mario Insenga

Aggio lassato la mia città
A ‘o crotalo c’adda sbarià!
La sua movida, ‘e biciclette ‘e Giggino
‘E ccose nun stanno bbone
Chist’ è ‘o mumento pe se ne fuj.

Senza ‘na lira ma che restavo a fa?
Nisciuno m’ha saputo aiutà
Quante delusioni! Gente che piglia e niente dà
E po’, abbascio ‘o vico
je me sentevo ‘e murì

Strade sfunnate, crotali a mappate
Pullecenella nun c’è mai stato
Il lungomare lo abbiamo liberato…
Addò si rischia ‘a vita
Pecchè:” ‘O fra’, tu m’he guardato!”

Chisto furgone addò me vo’ purtà?
Manco me ‘mporta: luntano a ccà!
Il sogno hippy è sempe tuosto a murì.
Fermammece e sunammo…
Avanti chi ce vo’ sentì…

Nun he mai vinciuto e manco pariggiato
Hai perso sempre e questo è il risultato…
Avanz’ ‘o per’ e chello ch’è stato è stato.
Fai quello che sai fa’,
Cantace n’ato blues.

Carreco ‘e blues, pronto a ripartì
Stu viaggio nun pò mai fernì
Basta ricordi! A casa nun ponno trasì.
Mo’ cerco int’ ‘a campagna
Na scusa pe’ nun murì.

RUBI

Testo e musica di Mario Insenga

Rubo e aggio arrubbato pe’ tant’anni
Modestamente n’aggio fatt’ ‘e danni
Ho rubato in Provincia
Ho rubato in Regione
Rubo a livello nazionale
Sono in missione pe’ chi
mi ha eletto qua.

Rubo per tradizioni di famiglia
Tutti democristiani da battaglia:
arrubbavano a ‘ncoppa
arrubbavano a sotto
S’hanno spalummato pure l’acquedotto
M’hanno ‘mparato a arrubbà
Senza pietà

A volte è sulle mie tracce la Magistratura
Le solite toghe rosse!
Vacanze griffate
Travestiti e puttane
Cene eleganti, mutande militanti…
Dice che ho usato i soldi dello stato

“Chist’ mò va ‘ngalera!” penserà qualcuno
“Cu ‘e mmane dint’ ‘o lardo l’hanno acchiappato!”
Ma io sono un politico
La legge non vale…
La protezione è trasversale
A ‘e prossime elezioni
Sarò senatore!

Rubo, ma vi racconto un’altra grande passione
È mora, è senza fine, è un gran puttaniere!
Ci vado con la scorta ogni due sere
Lei fa la dama, io il cavaliere
L’ho messa sul libro-paga del tesoriere

E l’italiano paga
E l’italiano paga e vota
E l’italiano… lota!

È l’ora dei sacrifici per la Nazione
E tutti siamo chiamati a partecipare
Ma io sono un politico,
non mi contare!
La mia missione tengo da fare
Perciò, mio caro elettore,
e ‘a pavà tu
Ti metto, mio caro elettore,
ddoje tasse ‘e cchiù
Pecorone di un elettore
‘e ‘a pavà tu!

LEI

Testo italiano di Sergio Bardotti

 Lei, lei non è, non è per te
Mi dicevano,
Mi dicevano così,
Ma da te volevo un mondo,
Un mondo nuovo
e io amore io
non ascoltavo mai.

Lei, lei non è, non è per te
come è facile,
come è facile da dire,
ma con te
avevo un paradiso
e io amore io
non ti ho lasciata mai

Tu non sei
no non sei
non sei per me
ed ora e ora te ne vai
se te ne vai
ma ti dico, ma ti dico ancora grazie grazie
e lo sai lo sai lo sai
che anche io piangerò

CHIEDI CHI SONO I BLUE STUFF DI MARIO INSENGA

I Blue Stuff sono un gruppo di blues, tra i più noti e longevi del panorama italiano. È nato nel 1982 da un’idea di Mario Insenga, che ne è ancora oggi batterista, cantante e principale compositore. La band può vantare una caratteristica molto peculiare: l’uso del napoletano nei testi. Tutto iniziò durante i concerti, poi l’applicazione del dialetto ai canoni del blues è diventato un vero marchio di fabbrica.

I Blue Stuff hanno effettuato migliaia di concerti in Italia e all’estero e in tutti i tipi di location. Nei club, nei teatri, nelle piazze, nei festival. Numerose le collaborazioni con artisti di fama internazionale. Tra gli altri Albert Collins, con il quale condivisero il palco del Festival Internazionale di Montreux nel 1992. Da segnalare anche la partecipazione a campagne di Greenpeace, Amnesty International, Emergency. Tante anche le partecipazioni a seminari sul blues e a lezioni-concerto presso Istituti Scolastici e Facoltà Universitarie. Nella loro più che trentennale carriera i Blue Stuff sono stati presenti in diverse trasmissioni televisive. Si ricordano le esibizioni in due tappe del giro d’Italia 1995, quella nel programma Capri-Hollywood di Pascal Vicedomini. Senza dimenticare la partecipazione dei Blue Stuff allo special “Meno siamo meglio stiamo” di Renzo Arbore.

Da ricordare, infine, la lunga collaborazione dei Blue Stuff con Edoardo Bennato, nei panni del suo alter ego Joe Sarnataro. Dal 1991 al 1994 i Blue Stuff e il cantautore di Bagnoli hanno realizzato il cd “È asciuto pazzo ‘o padrone”, il dvd “Joe e suo nonno” e un’infinità di concerti.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *