CASA BIDERI

SERENATELLA SCIUÈ SCIUÈ, LA VERSIONE SWING DELLE LADYVETTE

4 mesi ago, Written by , Posted in NEWS
Serenatella sciuè sciuè

È Serenatella sciuè sciuè la canzone scelta dalle Ladyvette per il loro debutto in lingua napoletana.

Fedele alla propria cifra stilistica, il trio tutto al femminile ha riletto il brano di Ferdinando Albano ed Ettore De Mura proponendolo in chiave swing. Il risultato è una divertente versione dal sapore estivo, che conserva la leggerezza spensierata e gradevolezza alla base del clamoroso successo ottenuto nel 1956.

Serenatella sciuè sciuè fu presentata da Carla Boni e Gino Latilla al concorso radiofonico “Le canzoni della fortuna” e divenne una hit nel giro di pochi giorni. Nel corso degli anni è stata interpretata da artisti del calibro di Nilla Pizzi, Teddy Reno, Aurelio Fierro, Gloria Christian, Roberto Murolo e Renato Carosone. Ispirò l’omonimo film diretto da Carlo Campogalliani ed è stata tradotta anche in francese con il titolo “Chantez ma serenade”.

Dal canto loro, le Ladyvette rappresentano una delle più accreditate formazioni italiane di vocal swing. Nonostante siano attive solo da cinque anni, hanno già alle spalle due album e le colonne sonore di due stagioni della serie tv Rai “Il paradiso delle signore”. Tra le collaborazioni e i duetti, da segnalare quelli con Renzo Arbore, Margherita Buy e Chiara Civello.

La versione di Serenatella sciuè sciuè delle Ladyvette è stata prodotta da Ferdinando Bideri per la storica etichetta Gennarelli Bideri. Il brano è disponibile sui principali store digitali e in forma di lyric video su Facebook e You Tube.

IL TESTO DI SERENATELLA SCIUÈ SCIUÈ

Ha ditto ‘o core mio: “Fa’ ‘o tentativo,

a mezanotte va’ sott’ ‘o barcone.

Chella ll’ha fatto sulo pe’ currivo

ma se fa ‘ntennerì cu na canzone”.

 

E i’ só’ turnato ccà,

e i’ só’ turnato ccà,

cu ‘sta chitarra mia pe’ t’ ‘a cantà.

 

Ma ‘sta serenatella

ca i’ porto a te

è na serenatella

sciué sciué.

 

Pecché, si nun mme siente,

io resto indifferente,

‘a mille vocche ardente

mme voglio fá vasà.

 

Perciò ‘sta canzuncella

ca i’ porto a te

è na serenatella

sciué sciué.

 

Tu nun mm’hê dato pace nu mumento

e mme ll’hê fatta perdere ‘a pacienza.

Si mo, cantanno, metto ‘o sentimento,

ffaccio cchiù pe’ scrupolo ‘e cuscienza.

 

‘O core ha ditto: “Va’”.

‘O core ha ditto: “Va’”

e nun mme só’ pututo rifiutà.

 

Pecché, si nun mme siente,

io resto indifferente,

‘a mille vocche ardente

mme voglio fá vasà.

 

Perciò ‘sta canzuncella

ca i’ porto a te

è na serenatella

sciué sciué.

 

è na serenatella

sciué sciué.

 

CASA BIDERI – IL CATALOGO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *